Immigrazione, Merkel: accordo per aiutare Italia. Previsto vertice europeo straordinario il 14 settembre

in Istituzioni, Politica


merkel

L’emergenza migranti è al centro del dibattito politico in Europa: il 14 settembre si terrà un vertice straordinario del Consiglio UE a Bruxelles e la Cancelliera tedesca Angela Merkel ha fatto sapere oggi che c’è l’accordo sulla necessità di aiutare l’Italia su questo fronte. Per la leader “non è possibile che i tanti migranti che arrivano” restino nel Belpaese. L’Europa – ha aggiunto la Cancelliera nel corso di una conferenza stampa a Berlino, dopo l’incontro con il premier spagnolo Mariano Rajoy – deve “muoversi complessivamente” e “i paesi Ue devono condividere la responsabilità della tutela del riconoscimento del diritto di asilo”. Da qui la necessità di “avere un sistema equo di quote” per la Merkel. La Germania – ha detto la Cancelliera – ha dimostrato di essere flessibile in diverse occasioni “nel salvataggio delle banche, nell’uscita dal nucleare” e nella gestione dell’emergenza profughi. “Serve coraggio”, ha quindi aggiunto, ribadendo che non può esserci “tolleranza con chi mette in dubbio la dignità degli esseri umani”. Sul tema è intervenuto anche il primo vicepresidente della Commissione europea Frans Timmermans: “Serve andare rapidamente verso regole europee comuni sulla richiesta d’asilo, sapendo che solidarietà e responsabilità sono principi indissolubili”. “L’Europa intera si mobiliti” sul tema dell’immigrazione, ha aggiunto Timmermans sottolineando come non si debba lasciare la “porta aperta a xenofobia e populismo”. Da qui il monito diretto all’Ungheria: le barriere alzate contro i migranti “non mandano il messaggio giusto” fanno sapere da Bruxelles e la Commissione Ue “non incoraggia l’uso di muri ma di altri mezzi” per la sorveglianza delle frontiere.

 

Accetta l'utilizzo dei cookie per l'utilizzo di questo sito. Informazioni

La miglior esperienza di navigazione si ottiene con i cookie attivati. Cliccando su "Accetta" o continuando la navigazione si considerano come accettati.

Accetta