Premier Renzi su De Luca: ha titolarità, diritto e dovere di governare la Campania

in Governo, Istituzioni, Varie


Il premier Matteo Renzi “assolve” il governatore della Campania Vincenzo De Luca. Dopo il gelo che ha contraddistino i rapporti tra i due e il riavvicinamento forzato subito prima della candidatura dell’ex sindaco di Salerno alle primarie Pd in vista delle regionali (2015), il messaggio lanciato oggi da Renzi dopo il Cmd è chiaro: “La posizione mia e del partito rispetto alle vicende della Campania è semplice. La magistratura faccia il suo corso, abbiamo in essa fiducia. Ma il presidente della Regione ha la titolarità, il diritto e il dovere di governare quella terra. Siamo assolutamente certi che il mandato che ha ricevuto sia pieno e che, di conseguenza, ha davanti a sè sfide di grande impatto, perché la Campania è una regione chiave per il futuro del Sud e del Paese”. Il governatore della Campania è indagato con il suo ex capo della segreteria Carmelo Mastursi (dimessosi dalla carica lunedì scorso), nell’ambito di un’inchiesta della Procura di Roma. L’ipotesi di reato è di corruzione per induzione: il giudice del Tribunale di Napoli Anna Scognamiglio (relatrice nell’ordinanza collegiale che a luglio scorso dispose il congelamento della sospensiva dalla carica di governatore per De Luca, in base alla legge Severino) avrebbe fatto pressioni sulla presidenza della Regione per procurare al marito, Guglielmo Manna, un incarico di rilievo nella sanità campana. Anche Scognamiglio e Manna sono indagati.

Accetta l'utilizzo dei cookie per l'utilizzo di questo sito. Informazioni

La miglior esperienza di navigazione si ottiene con i cookie attivati. Cliccando su "Accetta" o continuando la navigazione si considerano come accettati.

Accetta