Industria 4.0, Padoan annuncia: stimolare innovazione e ricerca, misure anche a favore delle società di venture capital. Possibile intervento sul cuneo fiscale

in Governo, Parlamento


capital

“La politica deve stimolare l’innovazione e gli investimenti ad alta ricerca per lo sviluppo delle aziende. Il governo potrebbe prevedere anche delle misure a favore delle società di venture capital“. Lo ha annunciato oggi in commissione Attività produttive di Montecitorio il ministro dell’Economia, Pier Carlo Padoan, ascoltato nell’ambito dell’indagine conoscitiva sull’Industria 4.0, quale modello da applicare al tessuto industriale italiano, e in merito agli strumenti per favorire la digitalizzazione delle filiere nazionali.  Nel descrivere il divario tecnologico tra l’Italia e alcuni paesi dell’Unione europea, Padoan ha sottolineato che tra gli obiettivi del governo dovrà esserci quello di aiutare le imprese alla produttività: “Bisogna dare incentivi fiscali per l’acquisto dei software e per la formazione manageriale, così da dare la possibilità all’impresa di aumentare la dimensione umana”. Per il ministro l’impresa innovativa si può declinare anche con “l’acquisizione di processi nuovi, ma è necessario che ci sia un insieme di elementi innovativi e il rinnovamento delle imprese esistenti”. A sostegno poi ci sono “le misure specifiche come le infrastrutture digitali della banda ultralarga” e gli interventi “da concentrare a favore delle eccellenze”. Il governo mira anche a sviluppare il sistema della formazione, visto che “il capitale umano ha un impatto sulla crescita. L’Italia è sesta al mondo per le esportazioni e dobbiamo tutelare la posizione. Mentre il manifatturiero è pari al 15% del Pil e vede impiegati 4 milioni di lavoratori”. Sugli effetti occupazionali che potrebbe avere un’industria digitale, Padoan ha proseguito sostenendo che “l’assenza di grandi player in Italia spiega la scarsa crescita dell’occupazione”, su cui potrebbe produrre uno stimolo la riforma della Pubblica amministrazione 4.0 che dovrebbe portare “processi interni veloci e efficaci, così da aumentare la produttività”. Altro aspetto toccato dal ministro è la fiscalità e la burocrazia: “La semplicità e la trasparenza servono anche per gli adempimenti fiscali. La riforma della PA, il codice degli appalti e la fatturazione elettronica si inseriscono in quest’ottica”. Quanto alle misure a favore delle imprese, Padoan ha annunciato che “è possibile ragionare sulle agevolazioni per il cuneo fiscale“.

Accetta l'utilizzo dei cookie per l'utilizzo di questo sito. Informazioni

La miglior esperienza di navigazione si ottiene con i cookie attivati. Cliccando su "Accetta" o continuando la navigazione si considerano come accettati.

Accetta