Pensioni, nessuna patrimoniale dopo niet Consulta a legge Fornero. Commissione Ue: ogni ammanco andrà compensato

in Politica


ministro_giuliano_poletti

Nessuna patrimoniale” per compensare i 5 miliardi di buco nei conti pubblici che la Consulta avrebbe creato con la bocciatura della legge Fornero. Così il ministro del Lavoro, Giuliano Poletti che oggi ha chiarito come sia ancora “presto per fare valutazioni“, e specificando comunque che il governo “vuole ridurre le tasse e non aumentarle“. Intanto a Bruxelles “aspettano” di vedere come l’esecutivo “applicherà la sentenza” della Consulta che sblocca l’adeguamento delle pensioni al costo della vita, ma raccomandano: “Qualsiasi cosa cambi gli obiettivi di bilancio del documento di programmazione finanziaria” dell’Italia “deve essere compensato“. Le conseguenze sul bilancio italiano, non essendo ancora state formalmente quantificate e definite in provvedimenti, non saranno quindi prese in considerazione nelle previsioni economiche di primavera della Commissione Ue che verranno presentate domani. Per il segretario generale della Cigl, Susanna Camusso, la sentenza della Corte costituzionale “non è un aggravio per i conti dello Stato. Si è legiferato male”.

Accetta l'utilizzo dei cookie per l'utilizzo di questo sito. Informazioni

La miglior esperienza di navigazione si ottiene con i cookie attivati. Cliccando su "Accetta" o continuando la navigazione si considerano come accettati.

Accetta