Fumo passivo: l’80% degli italiani ignora i danni che provoca

in Approfondimenti, Varie


divieto_fumoAffrontare il tema della prevenzione primaria del tumore al polmone. Questo l’obiettivo del convegno “Tutti i pericoli del fumo passivo (e attivo)“, seconda tappa del tour nazionale organizzato dalla Associazione italiana di oncologia medica (Aiom) che si è tenuto oggi a Roma presso l’Istituto nazionale tumori Regina Elena. A mediare l’incontro il direttore della comunicazione dell’Aiom Mauro Boldrini che ha ricordato come il ciclo di incontri, partito da Torino, dopo Roma approderà a Padova. Primo a  prendere la parola Francesco Cognetti, presidente della Fondazione Insieme contro il cancro e direttore del Dipartimento di oncologia medica del Regina Elena, che ha evidenziato alcuni dati relativi all’incidenza del tumore polmonare in Italia e nel Lazio sottolineando come, nonostante la patologia presenti un tasso di mortalità molto elevato, la sopravvivenza a lungo termine abbia raggiunto negli ultimi tempi percentuali vicino al 18%. Il responsabile di oncologia medica dell’Istituto Michele Milella ha invece illustrato i risultati di un sondaggio condotto dall’Aiom su un campione di circa 3mila soggetti. Tra i risultati più eclatanti Milella ha sottolineato il fatto che l’80% del campione ignorava che il fumo passivo può provocare il cancro e secondo circa il 43% degli intervistati smettere con le sigarette non riduce il rischio di sviluppare questa malattia. Un altro mito da sfatare, ha proseguito il medico, è che il tumore sia un male incurabile. Per ultimo è intervenuto Vincenzo Cilenti (ex direttore del Servizio di fisiopatologia respiratoria dell’Istituto Regina Elena e attuale rappresentante del comitato scientifico Associazione pazienti BPCO). Dopo aver ricordato il ruolo svolto dai pneumologi nella lotta al tabagismo in passato, Cilenti ha sostenuto che i centri antifumo non hanno valore se privi di certificazione e che le sole armi a disposizione per contrastare la “malattia” sono le campagne di prevenzione e l’aumento del prezzo delle sigarette.

Accetta l'utilizzo dei cookie per l'utilizzo di questo sito. Informazioni

La miglior esperienza di navigazione si ottiene con i cookie attivati. Cliccando su "Accetta" o continuando la navigazione si considerano come accettati.

Accetta